Banner

Bracciano Sailing Contest

Click on the slide!

470

470

Il 470 nasce nel 1963 dalla matita del francese Andrè Cornu. Dalle prime prove in acqua è subito emerso che…

Click on the slide!

420

L’idea del 420 nacque nel 1958, quando si incontrarono Cristian Maury, architetto e M. Lanaverre, proprietario di un piccolo cantiere.…

Click on the slide!

Snipe

Snipe

Serious Sailing Serious Fun! “La competizione abbinata al disegno della barca rende lo Snipe la Classe dove puoi lavorare sulla…

Click on the slide!

Hobie Cat 16

Hobby Cat 16

Hobie Cat 16

Click on the slide!

Laser

Laser

Laser Standard;  Laser Radial;  Laser 4.7; 

Click on the slide!

Contender

Contender

Il Contender è una imbarcazione da regata, a deriva mobile e governata da un'unica persona (equipaggio singolo). Il progetto è…

Click on the slide!

Tornado

  Il Tornado è stato disegnato nel 1967 dall’inglese Rodney March con l’aiuto di Terry Pierce e Reg White, specificatamente…

Click on the slide!

555

Con la deriva chiamata “555FIV”, la Federazione Italiana Vela ha varato una nuova imbarcazione destinata a invadere le scuole di…

Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

CIRCOLI CO.BRA.SAIL

Dinghy12 | Stampa |  E-mail
dinghy_immagine14_14-220

Cosa spinge l’inglese George Cockshott nel 1913 a disegnare il Dinghy 12 piedi? Semplice: l’idea di riunire in una sola barca monotipo le caratteristiche di tanti scafi allora usati per andare a passeggio o per fare delle piccole regate, come i tender dei panfili o delle barche dei piloti nei porti.


100 anni e non li dimostra!

Nel 1913 l’ inglese George Cockshott partecipò e vinse il concorso indetto dall’ I.Y.R.U. per la progettazione di una deriva che unificasse i vari modelli di “tender” con i quali gli armatori dei grandi yachts si sfidavano in appassionanti regate nei porti e nelle rade del nord Europa.
Nell’Inghilterra di fine Ottocento queste imbarcazioni si assomigliavano tutte:fasciame sovrapposto (detto a clinker), due banchi per vogare, poppa a specchio, bordo libero quanto bastava e albero con vela al terzo.
Cockshott non poteva certo immaginare quale successo avrebbe avuto la sua creatura.
Economico, maneggevole, adatto al diporto nautico, il Dinghy 12’ non tardò a diffondersi. Sotto vela, infatti, il Dinghy si rivelò imbarcazione molto tecnica e raffinata e, divenuto nel 1919 la prima “International Class”, venne scelto nel 1920 e nel 1928 alle Olimpiadi quale classe “en solitarie”.
Proprio l’ esperienza dei velisti italiani che vengono selezionati per le Olimpiadi di quegli anni la introduce nel nostro Paese, dove le prime imbarcazioni sono costruite nel 1929 e si tiene, nel 1931, il primo Campionato Italiano.
Per oltre trent’ anni il Dinghy 12’ reciterà un ruolo determinante nello sport velico nazionale, e, in particolare, per la formazione dei più giovani.
Dopo la crisi degli anni sessanta, nel 1969 venne fondata l’ Associazione Italiana Classe Dinghy 12’, e da allora l’ incremento degli armatori e dei regatanti è stato continuo.
Nessuna classe ha avuto un numero maggiore di campionati italiani disputati (nel 2015 l’80°, considerato anche quello corso nel 1980 senza assegnazione del titolo per numero di prove insufficienti) e sono pochissime quelle che possono vantare una partecipazione tanto ampia alle regate, con una ranking list nazionale di quasi 250 timonieri attivi.
Ogni anno oltre 200 timonieri partecipano alle regate nazionali, zonali e locali – da Lugano a Palermo – sui loro scafi in legno e vetroresina.
Per gli amanti della tradizione l’’Associazione organizza anche una ”Sezione Classici” che riunisce gli armatori dei “ legni”, ma tutti i dinghisti sono egualmente legati dall’ amore per la loro barca e vivono come una vera festa tutte le occasioni di incontro e competizione.
Il Dinghy plana raramente, ma riserva grandi soddisfazioni a chi vi si applica con costanza e passione.
La conduzione in regata richiede capacità tecniche e tattiche di prim’ordine.
I dinghisti apprezzano come pochi altri il fair play e il gusto della competizione velica “tradizionale”, praticata da veri sportivi e da amanti della vela e della compagnia. Il Dinghy 12’ oggi è la deriva preferita di chi cerca un “approdo” definitivo e la barca della propria maturità tecnica e agonistica.


http://www.dinghy.it/